Avere successo a scuola richiede molta pazienza e motivazione. - Cliccolascuola

Vai ai contenuti
Avere successo a scuola richiede ...
1) Fai buon uso del diario.
C’è un motivo per  tenerlo aggiornato. Non solo per scrivere i compiti per casa, ma anche  per assicurarti di segnare tutte le cose che devi ricordare (come le  partite, gli esercizi, le sessioni di studio, ecc.). Per diventare uno  studente modello, dovrai essere capace di stare al passo con tutte le  tue attività. Usalo per organizzare e seguire i tuoi programmi e anche  per porti limiti di tempo. Se passi più di un’ora sul compito di  matematica, è chiaro che non hai capito la lezione e che, così facendo,  ti stai danneggiando. Fermati, mettilo da parte e passa a studiare  un’altra materia. Riprendilo più tardi e se ancora non capisci, spiega  al professore che cosa è successo. Sarà contento di aiutarti e non ti  abbasserà i voti. Cerca, però, di dimostrare gli sforzi che hai fatto  per svolgere i compiti.

2) Organizzati.
Assicurati di avere tutto il  materiale che ti occorre. Può esserti d’aiuto un raccoglitore con anelli  e scomparti per ogni materia (e un solo fascicolo per le materie  secondarie) con fogli mobili e divisori, se sono utili. Se al tuo  insegnante piace spiegare molto, prendi un blocco note con la spirale –  sarà più difficile che le pagine si strappino rispetto ai fogli con i  fori. Mantieni le pagine in ordine cronologico – sarà più facile trovare  l’ultima mentre studi. Se il raccoglitore si riempie, trasferisci i  fogli più vecchi in un altro raccoglitore che terrai a casa. In questo  modo non dovrai portarli con te, ma resteranno conservati finché non  dovrai studiare per le interrogazioni di fine quadrimestre.

3) La scuola È importante.
Non devi fare il  secchione rintanato nella sua cameretta il venerdì sera o che legge  enormi libri in un angolo per sembrare una persona che prende la scuola  seriamente. La verità è che la scuola È importante. Devi costruirti un  buon curriculum e per far questo dovrai iscriverti presso una buona  università che contribuisca alla tua preparazione. Tuttavia, pure se  decidi di non andare all’università, la scuola è fondamentale.  Socializza con giudizio e intelligenza. È importante divertirsi e avere  tante attività extra-scolastiche, ma detto questo, non fare i compiti  con leggerezza! La scuola dovrà essere la tua priorità. Considera le  attività extra-scolastiche utili per il tuo curriculum universitario.

4) La scuola è importante, ma anche la vita sociale.
La chiave è l’equilibrio. Puoi essere il migliore in tutte le materie,  ma se non inserisci nessun’altra attività all’interno della tua domanda  d’iscrizione all’università, incontrerai molte difficoltà a essere  accettato. Non è bello in entrambi i casi. Impegnati a scuola, ma  assicurati di non trascurare il lato ludico durante gli anni scolastici e  non te ne pentirai.

5) Fatti coinvolgere.
Non c’è bisogno di  indossare colori sgargianti tutti i giorni o di fare l’animatore. Quello  che serve è essere al corrente delle cose che accadono a scuola, per  esempio chi ha vinto la partita di pallacanestro venerdì scorso,  assistere ai balli e agli spettacoli scolastici, non perdere i programmi  che il corpo studentesco organizza, ecc. Continuare a seguire gli  eventi attuali e politici è importante quanto essere attivi all’interno  della scuola. Così non solo ti legherai ad altre persone, ma sarai  sempre parte della comunità della tua scuola. Dimostra il tuo interesse e  il tuo sostegno alle attività organizzate nel contesto scolastico.

6) Pratica uno sport.
È facile dimenticare di  mantenersi in forma quando il carico di lavoro comincia ad accumularsi,  ma far parte di una squadra ti renderà meno agitato quando si avvicina  qualche scadenza scolastica. Aggiungi uno sport nella vita di tutti i  giorni. Se ti terrà impegnato per tre stagioni, per esempio, e sai che  dovrai affrontare un periodo di duro lavoro con i compiti, potresti  prendere in considerazione l’idea di interromperlo per un periodo più o  meno lungo. Prova a dare il meglio sia nello sport che a scuola e sarai  bravissimo – in salute e diligente.

7) Individua le tue passioni e trova un gruppo che le coltiva.
Non praticare sport non è una scusa per non fare nulla dopo la scuola.  Se sei appassionato d’arte, segui un gruppo che si dedica ad attività  artistiche. Ti piace la musica? Forma una band. Partecipa a qualcosa e  assicurati di portare avanti la tua passione per diverso tempo, anche  perché è utile inserirla nella tua iscrizione all’università. Se non fai  parte di nessun gruppo o associazione scolastica, chiedi al direttore  scolastico di aprirne una. Molto probabilmente ti risponderà di sì e  sarà molto facile coinvolgere anche altri ragazzi.

8) Occupati della scelta dell’università.
Appena  sei al secondo anno scolastico, comincia a visitare qualche università.  Non devi decidere ancora niente, ma ti aiuterà a capire se preferisci  studiare in un contesto accademico non tanto grande oppure in uno più  ampio (urbano, periferico, statale, ecc.). Passa dal referente per  l’orientamento agli studi – che scriverà una lettera di raccomandazione,  perciò più ti conosce, più favorevole sarà per te la lettera. Inoltre,  potrà aiutarti nella scelta dell’università e a trovare una borsa di  studio.

9) Occupati della tua media scolastica.
La media  scolastica è importante per te quanto l’affidabilità creditizia è  importante per i tuoi genitori. Una bassa affidabilità creditizia  impedisce ai tuoi genitori di chiedere prestiti, carte di credito,  affittare una casa, gestire il credito sul telefono cellulare e molto  altro ancora. L’affidabilità creditizia dei tuoi genitori è la loro  ancora di salvezza, perché apre e chiude le porte. Allora, considera la  media scolastica come la tua ancora di salvezza! Con una media alta ti  si allarga il ventaglio delle opzioni dopo il diploma, perché potrai  scegliere tra diverse università. Una media bassa limita questo  ventaglio. Disporre di una scelta più ampia è un’arma per il successo  nella vita!

10) Fai amicizia con tutti.
Ci sono troppi  pregiudizi circa i gruppetti di ragazzi: chi è amico di chi, chi è più  popolare, ecc. La cosa migliore da fare è quella di essere amici con  tutti. Abbi fiducia negli altri e soprattutto in te stesso. Prendi  l’abitudine di salutare le persone e non avere paura di parlare con i  nuovi compagni di classe. Più sarai a tuo agio tra gruppi diversi di  gente, più piacerai alle persone e più ti eserciterai a socializzare  nella vita.

11) Non fare confronti fra te e gli altri.
Ci sono  fin troppe cose a cui badare per preoccuparsi di questo. La scuola è  solo un luogo dove il confronto da sostenere è con se stessi. Ogni  giorno dovresti provare a dare il meglio di te, non preoccuparti di  quanto sia più trendy la compagna che ti siede di fronte, dei suoi voti,  del suo ragazzo, ecc. Non è importante tutto questo! Focalizzati su te stesso e su ciò che fai meglio tu. Applicati su questo!

12) Non rimandare.
Questa è probabilmente la prima  maledizione di tutti gli studenti. È difficile e va bene se lo fai una  volta ogni tanto. Ma quando è tempo di preparasi per i compiti in  classe, le interrogazioni e gli esami, non farla diventare un’abitudine.  Ti dispiacerà alla fine, soprattutto all’università quando sarai alle  prese con una quantità enorme di appunti e di cose da leggere. È meglio  abituarsi a fare le cose a tempo debito, senza rimandare, piuttosto che  aspettare l’ultimo minuto.

13) Non saltare la colazione e il pranzo.
Sembra  stupido, ma ti sorprenderà sapere quante persone saltano la colazione e  il pranzo. Non solo è da stupidi, ma soprattutto poco salutare. Prima di  tutto, perché la prima colazione è un pasto vario e squisito. Se non  hai tempo di farla a casa, alla fermata dell’autobus compra qualcosa  nella caffetteria vicina. È importante far partire bene il metabolismo  in modo che non abbia difficoltà durante tutta la giornata. Il pranzo è  importante per impedire allo stomaco di brontolare nella seconda fase  della giornata. Uno stomaco pieno ti mantiene concentrato. Saltare i  pasti non solo rallenta il metabolismo, ma ti fa prendere più peso, non  perderlo.

14) Mantieniti in buona salute sia dentro che fuori scuola.
Non cadere nella trappola del distributore automatico. La maggior parte  del cibo lì dentro è poco sano e disgustoso. Vai per le patatine di  soia o qualcosa ai cereali, se il distributore è tutto ciò che hai al  momento. Non cadere vittima neanche della trappola dell’acqua vitaminica  – è solo un’aggiunta di zuccheri. Solo se sei un atleta e bruci più di  400 calorie potresti consumare abbastanza per un pacchetto di orsetti  gommosi o altro. A casa fai uno spuntino per mantenere la pancia piena  fino all’ora di cena – mangia frutta, noci e le patatine che hanno meno  apporto calorico. Consumare cibo spazzatura durante il giorno è poco  sano e ti dà soltanto un’energia provvisoria per svolgere qualche  compito o per studiare una decina di pagine. Convinci la tua scuola a  prendere un distributore con prodotti naturali e biologici.

15) Dormi le ore necessarie.
È più facile a dirsi  che a farsi, tuttavia dormire ha molti benefici. Se ogni studente  riuscisse a dormire 7-10 ore come dovrebbe, sarebbe più sereno. Prova a  fare le cose nei tempi opportuni in modo da non sprecare le ore di  veglia. Non solo sarai più vigile durante il giorno, ma ti aiuterà a non  rovinare la tua cera e il tuo aspetto e sarai molto più attento durante  le materie più noiose e, di conseguenza, a distinguerti proprio in  quelle. Naturalmente, non sarà sempre possibile, specialmente durante  l’anno del diploma, il più temuto. Se devi prendere ottimi voti per  l’iscrizione all’università e contemporaneamente svolgi diverse  attività, ti capiterà di studiare fino all’una di notte – se succede,  salta qualche attività e fai un pisolino! Non sei utile a nessuno quando  ti privi del sonno. I riposini sono un’ottima cosa. Inoltre, la  caffeina può aiutare la tua concentrazione – ma considera gli effetti  collaterali e l’assuefazione che possono farti male nel breve e lungo  termine. Prova a usare qualche stimolante in maniera equilibrata e solo  quando è assolutamente necessario, ad esempio per un compito in classe.

16) L’unica direzione da seguire va verso te stesso.
Questo non significa che devi andare a scuola mettendo calzini in testa  o altro. Dovresti avere il tuo stile e la tua personalità in modo da  lasciare il segno nel modo giusto e non come un replicante di altri  ragazzi. Sii originale e abbi fiducia in te stesso. È un luogo comune,  ma è fondamentale. Le persone saranno portate a ricordarti e a volerti  per amico, se sei interessante e ti distingui dalla massa.

17) Cerca di uscire il fine settimana.
Hai  sopportato 5 giorni di agonia a scuola ed è giunto il momento di  allentare la presa. Durante il fine settimana, se hai amici con cui  uscire, vai da qualche parte a divertirti, magari a una festa. Anche se  non hai molti amici, trascorri il weekend in maniera rilassata e fai  quello che ti piace. Lasciati andare e recupera le energie, così quando  viene lunedì, sei carico e pronto a concentrarti di nuovo sullo studio.  Ma ricorda che la scuola è la tua priorità, perciò non farlo se hai un  mucchio di compiti da preparare per il weekend.

18) Non mollare mai.
Anche questo sembra un luogo  comune, ma è un aspetto importante. La scuola è tutto un alti e bassi  tra momenti di sconforto, sollievo e prove continue, mentre si fanno  amicizie lungo il percorso. Impara a ridere quando commetti un errore.  Non ti scoraggiare se ogni tanto prendi un voto basso a un compito in  classe o a un’interrogazione. Di' a te stesso di studiare di più per  migliorare il tuo rendimento la prossima volta. Se la tua squadra ha  perso una partita, sprona te stesso ad allenarti meglio. Se impari a  fare tutto questo, ti servirà in futuro quando la scuola sarà finita.  Impara dai tuoi errori e non vacillerai lungo il cammino della tua vita.  Ricorda soltanto, nessuno è perfetto.
L’intelligenza cresce e porta frutti solo nella gioia. La gioia di imparare è indispensabile agli studi come la respirazione ai corridori. (Simone Weil)
Informazioni:
Una cosa buona non piace se non siamo all'altezza
(F.W. Nietzsche)
Solo un pensiero
Informazioni:
Una cosa buona non piace se non siamo all'altezza
(F.W. Nietzsche)
Torna ai contenuti