Didattica a distanza - Cliccolascuola

Vai ai contenuti

Didattica a distanza

Nel decreto CuraItalia varato dal governo a fronte della diffusione di Covid19, sono stati stanziati 85 milioni di euro per promuovere l’utilizzo delle piattaforme informatiche per la didattica a distanza.
Una  delle misure introdotte per contrastare la diffusione del Coronavirus è  stata la chiusura delle scuole. Nel Decreto del Presidente del Consiglio dei ministri,  del 25 febbraio 2020, è stato stabilito: “I dirigenti scolastici. possono attivare, di concerto con gli organi collegiali competenti e per la durata della sospensione, modalità di didattica a distanza  considerando anche le specifiche esigenze degli alunni con  disabilità”, un concetto richiamato successivamente da un altro decreto  del primo marzo 2020 e addirittura con quello del 4 marzo ove si dice,  in pratica, che la didattica online è diventata la “modalità scuola”.

Quale piattaforma utilizzare?

Alcune piattaforme già utilizzate da istituzioni scolastiche:

Acronimo di Modular Object-Oriented Dynamic Learning, è una piattaforma  di e.learning, ovvero uno strumento didattico, con accesso e utilizzo  interamente web, che supporta la tradizionale didattica d'aula e  permette al docente di pubblicare e rendere accessibile agli studenti il  materiale didattico delle lezioni, di veicolare comunicazioni, di  pubblicare informazioni sul corso e sulle lezioni, di somministrare  compiti/esercitazioni, test ed altro ancora.
Moodle  è la piattaforma di e.learning più diffusa al mondo, in particolar modo  nelle istituzioni accademiche e scolastiche, è una piattaforma  distribuita con codice sorgente accessibile, utilizzabile senza  pagamento di licenza.
Il CITICoRD ritiene che la  piattaforma Moodle, è particolarmente valida per le sue  caratteristiche di completezza, affidabilità e facilità di utilizzo.

Già chiamato Google app for education è una delle suite più  utilizzate dalle scuole; oltre agli strumenti Gmail, Google Drice  e Presentazioni eccetera, alcuni docenti  già usano Google Hangouts Meet, e Google Classroom per coinvolgere  i propri allievi in classi virtuali e per  gestire le lezioni a distanza.

Agli strumenti che solitamente utilizziamo, si  aggiunge Teams che consente di utilizzare una chat, di fare videoconferenze, di achiviare  file e l'integrazione delle applicazioni, inoltre si possono utilizzare strumenti che permettono di agevolare il lavoro delle classi virtuali.

Questo è  un software gratuito molto utilizzato,  permette di svolgere  lezioni a distanza, di creare eventi in modalità  webinar o webmeeting.

E' un insieme di strumenti necessari per la gestione  dell’attività scolastica e la comunicazione  scuola famiglia  (registro elettronico, verifica presenze eccetera), ha avviato il  progetto AuleVirtuali per gestire le attività didattiche on-line.

Un sistema gratuito per la didattica online, offre  contenuti quali le lezioni di Oilproject (la piattaforma è  un gigantesco archivio di video, testi ed esercizi su varie materie:  Biologia, Chimica, Scienze della Terra, Astronomia, Ecologia, Fisica,  Matematica, Letteratura italiana, Letteratura inglese, Web design, questi curati da docenti ed esperti.

La piattaforma è stata elaborata come un social network  educativo. Offre un ambiente operativo semplice  e sicuro dove  i docenti possono spiegare, inserire contenuti ecc. Gli studenti si possono organizzarsi in piccoli gruppi di studio, ed interagire con i formatori.
Informazioni:
Una cosa buona non piace se non siamo all'altezza
(F.W. Nietzsche)
Solo un pensiero
Una cosa buona non piace se non siamo all'altezza
(F.W. Nietzsche)
Informazioni:
Torna ai contenuti